Uno stile di vita salutare inizia prima di tutto dalla tavola. Mangiare sano, però, non vuol dire rinunciare a cibi saporiti o sfiziosi, e gli shirataki noodles con gamberi e verdure ne sono la prova!
Appagano l’occhio, perchè si presentano come un primo piatto ricco e colorato. Conquistano l’olfatto con profumi freschi e note speziate. E poi, soddisfano il palato, perchè sono il connubio perfetto tra gusto e benessere.

Vi avevo parlato tempo fa degli shirataki in questo post sui 10 tipi di noodles asiatici. Se però volete un piccolo aiuto per rinfrescarvi la memoria, vi ricordo la loro caratteristica più importante: gli spaghetti di shirataki sono un alimento a calorie quasi zero.

Sì, avete letto proprio bene, contengono pochissime calorie per cui se avete necessità di seguire una dieta ipocalorica, ricordatevi di metterli nel vostro carrello della spesa. Idem, se seguite un’alimentazione senza glutine o a basso indice glicemico.

spaghetti di shirataki con gamberi e verdure

Gli shirataki, infatti, sono un alimento a base di farina di glucomannano, estratta dalla radice di una pianta asiatica chiamata konjac.

Il glucomannano è una fibra solubile vegetale che non contiene calorie, carboidrati, grassi, proteine, glutine e lattosio. Le fibre solubili, una volta ingerite, si sciolgono parzialmente nello stomaco formando una massa gelatinosa che ne rallenta lo svuotamento, favorendo così il senso di sazietà. Ed è proprio grazie a tutte queste proprietà, che gli shirataki sono l’ingrediente perfetto per vivere ogni giorno la tavola con allegria e senza troppi sensi di colpa (holè)!

spaghetti di shirataki con gamberi e verdure

In commercio ce ne sono di tantissime varietà e marche, ma io vi consiglio di provare quelli di ZenPasta (azienda italo-giapponese), perché prodotti in modo completamente naturale e senza l’aggiunta di alcun additivo chimico.

La farina di Konjac è estratta direttamente da radici coltivate seguendo rigorose regole di coltivazione biologica. Le piantagioni sorgono sulle colline verdi dell’isola di Java, nella jungla tropicale dove la natura è rimasta tale da sempre (selvaggia) e dove cresce la migliore varietà di Konjac.

Le condizioni di vita e lavoro negli stabilimenti aziendali in Indonesia, inoltre, sono delle migliori. La manodopera è rigorosamente locale, ma con censura di metodi di sfruttamento e d’utilizzo di forza lavoro infantile. Non a caso, l’azienda si è impegnata a promuovere programmi di aiuti per le famiglie dei dipendenti e per il rinnovamento dei loro villaggi.

Prediligere i prodotti ZenPasta, quindi, non vuol dire soltanto fare una scelta di benessere per noi stessi ma anche per gli altri.

spaghetti di shirataki con gamberi e verdure

Questo piatto è la rivisitazione di un classico della cucina asiataca, ovvero, gli spaghetti di soia ai gamberi e verdure. Il piatto (credo) più gettonato dopo il riso alla cantonese e gli involtini primavera nei ristoranti cinesi.

Come gli spaghetti di soia, gli shiratake sono insipidini… quindi, per dargli un tono bisogna giocare con la ricchezza e la sapidità dei condimenti, tra saporiti sughi e intingoli vari. Ma a differenza dei primi, secondo me, sotto ai denti danno decisamente più soddisfazione perchè sono molto più carnosi!

E in più, tanto per ribadire il concetto, il rapporto di kcal degli shirataki  è bassissimo, solo 35 calorie ogni 100 gr. Praticamente un nonulla rispetto alle 331 kcal degli spaghetti di soia.  😀

Lo dimostrano, infatti,  le analisi nutrizionali eseguite dall’Istituto di Ricerca Agrindustria (accreditato dal Ministero della Salute) sugli shirataki secchi di ZenPasta. Perciò, potete stare tranquilli sulla veridicità di questi dati e gustarvi in totale serenità anche un intero piattone di pasta shiritaki.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Volete un piatto sano e gustoso, ma con poche calorie? Gli spaghetti di shirataki con gamberi e verdure sono il piatto che fa per voi. Potrete mangiarne in quantità e senza sprofondare nei sensi di colpa, perchè 100 gr di shirataki contengono solo 35 kcal!

  • Dosi per
    4 persone
  • Tempo di preparazione
    20 MInuti
  • Tempo di cottura
    15 MInuti
  • Tempo totale
    35 MInuti
  • Calorie
    a porzione

Ingredienti

  • 220 gr di shirataki secchi
  • 300 gr di mazzancolle
  • 80 gr di taccole
  • 80 gr di carota
  • 80 gr di peperoni
  • 2 cipollotti bianchi
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 cucchiaino di zenzero tritato
  • 1 cucchiaio di aceto di mele
  • q.b. semi di sesamo tostati
  • q.b. olio extravergine di oliva
  • q.b. sale
  • q.b. pepe

Per accompagnare

  • q.b. salsa di soia Tamari
  • q.b. salsa Sriracha

Procedimento

  1. Sgusciate i gamberi, incidete il dorso ed eliminate il filamento nero. Sciacquateli sotto acqua corrente fredda, poi tamponateli con un panno pulito o della carta assorbente.
    Schiacciate in un mortaio lo spicchio di aglio fino a ridurlo in crema, poi mescolatelo con un cucchiaio di olio.
    Condite i gamberi con la crema di aglio, un pizzico di sale e pepe. Poi, copriteli con della pellicola trasparente e conservateli in frigorifero fino al momento del loro utilizzo.
  2. Tagliate le verdure a julienne o a losanga, a vostro piacimento. Ricordatevi, però, che più piccoli saranno i pezzi e più veloce sarà la loro cottura.
  3. Portate a bollore una pentola d’acqua salata. Aggiungete gli shirataki, spegnete il fuoco e lasciateli riposare per 7-10 minuti. Poi, scolateli e sciacquateli abbondantemente sotto acqua corrente calda.
  4. Scaldate bene il wok, versate un filo di olio lungo i bordi e ruotate la padella per ungere uniformemente la superfice interna.
    Aggiungete le verdure partendo dalle carote e le taccole, che sono quelle più dure, quindi proseguite con quelle più tenere, i peperoni, e lasciate per ultimi i cipollotti ( solo la parte bianca) che richiedono, invece, solo una leggera scottata.
    Rosolate ogni tipo di verdura per un un minuto (o più, a seconda della grandezza che gli avrete dato) a fuoco vivace, ma senza esagerare con i tempi di cottura per mantenere la loro croccantezza.
    Muovete costantemente le verdure con delle bacchette o una spatola per cuocerle omogeneamente ed evitare che si brucino.
    A cottura quasi ultimata, regolate di sale e sfumatele con l’aceto, poi togliete le verdure dal wok e tenetele da parte.
  5. Versate nuovamente un filo di olio nella padella e aggiungete lo zenzero tritato. Quando comincerà a imbiondirsi, versate i gamberi e scottateli brevemente.
    Unite le verdure precedentemente cotte, gli spaghetti di shirataki e saltate il tutto ancora per un minuto.
    Terminata la cottura, spolverate gli spaghetti con la parte verde dei cipollotti e semi di sesamo tostato.
  6. Servite il piatto ben caldo, accompagnandolo con la salsa di soia e la salsa Sriracha a piacere.